Sonetti romaneschi/Li frati II

Li frati

Sonetti romaneschi/«Come va, Geremia?» «Sempre l'istesso» Sonetti romaneschi/Le cose sue de la padroncina IncludiIntestazione 31 marzo 2010 75% Sonetti

«Come va, Geremia?» «Sempre l'istesso» Le cose sue de la padroncina

 
     Questo io voría sapé da st’arrabbiati
c’ar monno fraterie nun ce ne vonno:
come farebbe sto povero monno,
si vvenissi a rrestà senza li frati.
              5
     Chi sse snerba pe nnoi? chi pperde er zonno
pe ottenecce er perdon de li peccati?
chi lo porta er bambino all’ammalati? 1
chi le smartissce le sarache e er tonno?
              
     Sò cquesti eh, ggiacubbinacci cani,
10li portroni e le mmaschere? sò cquesti
l’impostori, l’arpie, li maggnapani?
              
     Tutte bbusciarderie, tutti protesti. 2
Li frati sò bbonissimi cristiani,
tutti servi de Ddio lésciti e onesti.


29 maggio 1845


Note

  1. Il miracoloso bambino degli zoccolanti di Ara-coeli.
  2. Pretesti.