Sonetti romaneschi/La porta dereto

La porta dereto

../Er vedovo ../Lo scalìn de Rúspoli IncludiIntestazione 3 maggio 2010 75% Sonetti

Er vedovo Lo scalìn de Rúspoli

 
     Er Papa tiè2 una scerta portiscella
pe ddove verzo sera un par de spie
je3 vanno a rrescità le lettanie
e a sputasse4 pormoni e ccoratella.
              5
     Llí jje bbutteno ggiú ’ggni marachella 5
de teatri, caffè, ccase, ostarie...
e, mmezze verità, mmezze bbuscìe,
ciànno6 sempre da dì cquarche storiella.
              
     Ecco da che ne nassce quarche vvorta
10che tte vedi li zzaffi7 a la sordina:
è ttutto pe vvertú dde quella porta.
              
     E cchi ssò8 ste du’ spie? Vall’a indovina. 9
Oggni lingua oggidí cche nun zii10 morta
pò èsse11 un de li dua che tte cuscina.12


Terni, 20 ottobre 1833

Note

  1. Di dietro.
  2. Tiene.
  3. Gli.
  4. Sputarsi.
  5. Ogni pecca.
  6. Ci hanno.
  7. Birri.
  8. Sono.
  9. Vallo a indovinare.
  10. Non sia.
  11. Può essere.
  12. Ti cucina. A chi però fosse curioso di conoscere le due spie del Papa (Leone XII), diremo che erano il signor Gianfrancesco Cecilia e il signor... Calderari, l’uno colonnello e l’altro luogotenente de’ carabinieri.