Sonetti romaneschi/Er biastimatore

Er biastimatore

../Primo, nun pijjà er nome de Ddio in vano ../A ppijjà mojje penzece un anno e un giorno IncludiIntestazione 30 aprile 2010 75% Sonetti

Primo, nun pijjà er nome de Ddio in vano A ppijjà mojje penzece un anno e un giorno

 
     Quer giorno in Croce che Ggesú fu mmesso 1
e in faccia de Maria se crocefisse,
du’ parole turchine che llui disse
se scurí er Sole co la luna appresso.
              5
     Quello scurore se chiamò le crisse: 2
e ecchete perché cquann’uno adesso
vò ddí peccristo je viè a stà l’istesso
discenno, senza bbiastimà, pe ccrisse. 3
              
     Quanno se possi a fforza de talento
10trovà uno sguincio4 pe nnun fà ppeccato,
chi è er cristiano che nun zii contento?
              
     Duncue, che sserve a dì ppe ddio sagrato?
Ciariparlamo ar brutto sagramento, 5
a llume de cannela6 cor curato.


Roma, 21 novembre 1831 - De Pepp’er tosto medemo


Note

  1. Sintassi non infrequente nei romaneschi.
  2. L’eclissi.
  3. Modificazione di bestemmia.
  4. Così chiamasi un piccolo adito o vacuità a sghembo. Nel nostro caso equivarrebbe anche a «scappatoia».
  5. L’olio-santo.
  6. All’ardere del lume che si accende nell’agonia.