Apri il menu principale
Ar Tenente de li scivichi

../Un deposito ../La bbella Ggiuditta IncludiIntestazione 30 aprile 2010 75% Sonetti

Un deposito La bbella Ggiuditta

 
     Sor uffizziale mio, nun v’inquietate,
venita cquà, ssentite la raggione:
perché ffà ssanguemmerda a ssciabbolate
si ppotemo1 aggiustasse2 co le bbone?
              5
     Cuanno trenta maggnère3 ho aripescate
pe ddà ar prossimo nostro der cojjone 4
e cchì ciaripensava5 ar battajjone
che voi, co riverenza, commannate?
              
     Ma mmó c’ar trentunesimo c’ho ttrovo 6
10ve vienite a llaggnà com’e cquarmente
cuelle cose che ddico nu le provo;
              
     s’arimedia cor cazzo:7 nun è ggnente. 8
Ve darò ppe ccojjone un nome novo,
e ssarà er trentadua: dite Tenente.


Roma, 12 ottobre 1831 - D’er medemo


Note

  1. Se possiamo.
  2. Aggiustarsi.
  3. Maniere.
  4. Vedi il sonetto che principia: Sonaji, pennolini, ggiucareli.
  5. Ci ripensava.
  6. Trovato.
  7. Si rimedia col nonnulla.
  8. Niente.