Apri il menu principale

Sonetti romaneschi/A Compar Dimenico

A Compar Dimenico

../Pio Ottavo ../Nunziata e ’r Caporale; o Contèntete de l’onesto IncludiIntestazione 19 aprile 2010 75% Poesie

Pio Ottavo Nunziata e ’r Caporale; o Contèntete de l’onesto


     Me so ffatto, compare, una regazza
bianca e roscia, chiapputa e bbadialona1,
co ’na faccia de matta bbuggiarona,
e ddu’ brocche2, pe ddio, che cce se sguazza.

     5Si la vedessi cuanno bballa in piazza,
cuanno canta in farzetto, e cquanno sona,
diressi: «Ma de che? mmanco Didona,
che squajjava le perle in de la tazza».

     Si ttu cce vôi viení dda bbon fratello
10te sce porto cor fedigo3 e ’r pormone;
ma abbadamo a l’affare de l’uscello.

     Perché si ccaso4 sce vôi fà er bruttone5,
do dde guanto6 a ddu’ fronne7 de cortello
e tte manno a Ppalazzo pe cappone8.


14 febbraio 1830 - De Peppe er tosto – G.G.B.


Note

  1. Badiale, cioè squisita, impareggiabile.
  2. Poppe.
  3. Fegato.
  4. Se per caso.
  5. Il brusco, il pretendente.
  6. Afferro, do di mano.
  7. Due fronde, cioè un pocolin de coltello.
  8. A cantare da castrato alla cappella pontificia.