Apri il menu principale
PARTE TERZA CAPITOLO II
§.4. Subito se ne fugge l’ombra e svanisce il sogno

../P3 ../P5 IncludiIntestazione 3 aprile 2009 50% Da definire

Parte terza - P3 Parte terza - P5

Ne per questo accusiamo ogni mestizia come è quella: (Che cagiona la penitenza in ordine alla salute eterna). Christo disse quasi nel medesimo tempo quelle parole: Tristis est anima mea usque ad mortem, e quell’altre: Surgite eamus. E tutto a un tempo se ne andò animosamente incontro ai suoi nemici. Non disdicono no, ma stanno molto bene insieme il gaudio e il pianto. Scorrino pure le lacrime dagli occhi che la bocca canterà allegramente le sue canzoni. S’impallidisca pure il volto che l’animo starà forte e si prenderà spasso. S.Paolo: (Sembriamo melanconici ma siamo sempre allegri. Portiamoci in ogni cosa come servi e ministri di Dio con molta pazienza).Perchè ogni malinconia dei buoni (come nota S.Anselmo) presto passa ed è come un’ombra o un sogno. Habbiamo un poco di pazienza, che subito se ne fugge l’ombra e svanisce il sogno. Le prugne selvatiche e l’agresta ti stringono la bocca e t’allegano i denti, ma non ti fanno male allo stomaco: così sono le miserie nostre, pizzicano e si fanno sentire un poco, ma se non vuoi non ti levano ne ti tolgono l’allegrezza. Mira i gladiatori, che appena vengono nell’arena senza sangue, se ne vanno però tutti allegri e festeggianti a ricevere le ferite, e molte volte nella palestra quanto più è il sangue che si sparge tanto più si ride. E noi pure siamo nella palestra. Qui non vi è più la vergognosa cosa, quanto piangere. Impariamo dunque e avvezziamoci ancor noi a vederci dalle ferite nostre uscire il sangue, ma senza piangere. Ciascuno che si dà tutto in mano della divina provvidenza e volontà, cava sempre di là un perpetuo gusto eziandio quando è grandemente travagliato. Questo tale a guisa di soldato veterano intrepido si guarda uscire il sangue. Che gran cosa è lo star allegro, quando le cose van bene? Questo lo sa far ancora chi è impaziente. Signore quando li farete del bene vi loderà, ma se non darete loro da mangiare, vi leggeranno la vita. E’ consiglio di S.Giacomo: (Vi è alcuno di voi che stia melanconico? Si metta a far orazione), e se sta bene, si metta a sonare, se ne voli in alto, canti allegramente, lodi Iddio non meno che se lo facessero quei tre giovinetti hebrei ai quali le fiamme parvero come tante fresche e rugiadose rose.