Questi occhi miei

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Questi occhi miei Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Folletto Goethe (in Roma)
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 226 modifica]

CI

QUESTI OCCHI MIEI

Sin che florido è il corpo, ospite lieta,
l’alma lo alberga: ma dal di che vede
come questa sua casa è un po’ di creta,
che la pioggia corrompe e il verno fiede;
da quel di la solinga anima asseta
un arcano desio di mutar sede;
e, sognando e sperando altro pianeta,
sente crescer le forze a la sua fede.
Messer Iacopo, a me la inferma spoglia
par quella casa ruinata e sola,
che alberga una farfalla entro i rottami
L’ospite, afflitta di restar, s’invoglia
poco in quell’ombre; e, se di lá non vola,
è perché aspetta che Qualcun la chiami.