Pagina:Zibaldone di pensieri III.djvu/498

484