Apri il menu principale

29

SONETTI


della signora


FAUSTINA MARATTI ZAPPI




SONETTO I


 
Dolce sollievo dell’umane cure,
     Amor, nel tuo bel regno io posi il piede,
     E qual per calle incerto uom, che non vede,
     Temei l’incontro delle mie sventure.
5Ma tu l’oggetto di mie voglie pure
     Hai collocato in così nobil sede,
     E tal prometti al cor bella mercede,
     Ch’io v’imprimo contenta orme sicure.
Soave cortesia, vezzosi accenti,
     10Virtù, senno, valor d’alma gentile
     Spogliato hanno il mio cor d’ogni timore.
Or tu gli affetti miei puri innocenti
     Pasci cortese, e non cangiar tuo stile,
     Dolce sollievo de’ miei mali, Amore.


II


 
Che? non credevi forse, anima schiva,
     Cader sotto il mio giogo alto e possente;
     Credevi tu quell’orgogliosa mente
     Mantener sempre d’ogni affetto priva?
5Sotto qual clima, in qual’estrania riva
     Alma si trova, ch’il mio ardor non sente?
     Arser gli Dei, non che la mortal gente,
     Alla mia face eternamente viva.