Apri il menu principale

17

XXXV.1


A governar di Pietro il sacro legno
     Venne dal bel Metauro, il gran Nocchiero:
     Oh qual nuovo per l’onde aspro sentiero
     Oltre le mete dell’Erculeo segno!
5Ma scorgo, ahimè, che intorno arman lo sdegno
     Volturno ingiurioso, Affrico altero:
     Quà latra Scilla, e là Cariddi il fero
     Seno profonda, ov’han le furie il regno.
Ahimè le vele, ahimè l’onda rubella!
     10Ma tu la reggi, e nel suo gran periglio,
     Passa la neve e il mio destin con ella.
Così dal lito a te, Signore, il ciglio
     Dicea volgendo Italia, Italia bella,
     Di cui tu fosti e difensor e Figlio.


XXXVI.2


Che se tornar dopo tant’anni e tanti
     Il divin Raffaello alla primiera
     Vita potesse, e rinnovar suoi vanti,
     Qual si rinnova la Fenice altera!
5Bello il veder le chiare ombre di quanti
     Pria dipinsero, e poi corona e schiera
     Fargli d’intorno, ed esso agli altri avanti
     Spiegar la non mai vinta alta bandiera!
Ma che direbbe poi veggendo il pio,
     10Figlio anch’ei del Metauro, Eroe cui porse
     Roma l’Impero, e il Ciel le chiavi offrio?
Padre, e Signor direbbe, e qual mi scorse
     Ventura, ah ben dovea sorgere anch’io,
     Or che Giulio e Leone in Voi risorse.


  1. Per una Corona in lode di N. S. Papa Clemente XI.
  2. Loda il Pontefice Clemente XI.