Apri il menu principale
6

XI.1


Poichè dell’empio Trace alle rapine
     Tolse il Sarmata Eroe l’Austria e l’Impero,
     E più securo, e più temuto alfine
     Rese a Cesare il soglio, il soglio a Piero:
5Vieni d’alloro a coronarti il crine,
     Diceva il Tebro all’immortal Guerriero,
     Aspettan le famose onde Latine
     L’ultim’onor da un tuo trionfo altero.
Nò, disse il Ciel: tu ch’hai sconfitta e doma
     10L’Asia, o gran Re, ne’ maggior fasti sui,
     Vieni a cinger di stelle in Ciel la chioma.
L’Eroe, che non potea partirsi in dui,
     Prese la via del Cielo, e alla gran Roma
     Mandò la Sposa a trionfar per lui.


XII.2


Io veggio entro una bassa e vil Capanna
     Un pargoletto, che pur dianzi è nato,
     Fra i rigor d’aspro verno, abbandonato,
     Su paglia e fieno e foglie d’alga e canna.
5Veggio la cara Madre che s’affannna,
     Perchè sel vede in sì povero stato;
     Misero! ei sta di due Giumenti al fiato!
     Misero! ah quest’è Dio, nè il cuor s’inganna.
Quel Dio che regge il Ciel, regge gli orrendi
     10Abissi, e fa su noi nascer l’aurora,
     E i lampi e i tuoni e i fulmini tremendi.
Ma un Dio se stesso in sì vil foggia onora?
     Vieni, o superbo, e l’umiltade apprendi
     Da quel Maestro che non parla ancora.


  1. Per la venuta a Roma della Regina di Polonia Vedova del famoso Re Gio: III.
  2. Per la notte del Santissimo Natale.