Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/451


403

     Quanta ancor del suo mal farìa pietade.
5Tal ei del Mondo per le dubbie strade,
     Lasso!, correa tra dense ombre d’errore,
     Qual uom, che colto dal notturno orrore
     Cannina, e ad ogni passo inciampa e cade.
Ma da te scese alfin propizio il raggio,
     10Raggio d’ardente carità, infinita,
     Ond’ei scoperse il fosco suo viaggio.
Quinci tornò Ragion da pria sbandita,
     Che a lui doppiando ognor speme e coraggio,
     Fida il precorre, e l’alto fin gli addita.


VI


O Sileno, il tuo giumento
     Ben cred’io, che più non possa:
     Ve’ che ei muove lento lento,
     E non è, che pelle ed ossa.
5Deh non più gli diam tormento
     Or con urto, or con percossa,
     Lasso, in piè si regge a stento,
     E già mezzo è nella fossa.
Nè rio morbo è, che lo snervi;
     10Ma rigor di fame immensa
     A lui strugge e l’ossa e i nervi;
Che del tino, e di tua mensa
     Sol ti cale. Ahi Servi, ahi Servi
     D’uom, che a se sol vive e pensa!


VII


Ier, menando i bianchi agnelli
     Lungo un Rio per verde erbetta,
     Vidi in mezzo a eento augelli,
     Grandeggiar folle civetta.
5Bel veder lei gonfia, e quellì,
     Quasi umìl turba soggetta,
     Per le siepi e gli arboscelli
     Lei seguir di vetta in vetta.
Già Reina esser si crede
     10Quella sciocca, e altera e gaia
     Già vien piede innanzi piede.