Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/445


397

     Aver di rose e gigli il volto adormo;
     Ma che? Tutto quaggiù passa e non dura.
Si parli; e vaga di quel Bel, che niuna
     10Forza puote involar di tempo o morte,
     Sprezzi i don di Natura e di Fortuna;
E già del Chiostro entro le sacre porte
     Lieta ti chiudi, o del bel numer’una
     Delle prudenti Verginelle accorte.


VII1


Colei, che in volto di sì dolce e tanta
     Pietà sfavilla, e par non ebbe mai
     Dal dì che Adamo aperse gli occhi ai rai
     Del Soi, poi colse morte, ahi!, dalla pianta;
5Perchè vedermi a piè la cetra infranta.
     Vuo’ pria, ch’altra che lei suoni giammai,
     Me fuor di questo Mar d’affanni e guai
     Salvo a riva trarrà con sua man santa.
Un della turba io non son già, che morto
     10Mille volte s’appella, e vivo; tale,
     Strano governo il cieco Amor fa d’esso!
Amo, e canto colei, colei che spesso
     Sua speranza ognun chiama e suo conforto,
     E sa ben, che non è cosa mortale.


VIII2


Oh, qual ti vola intorno, oh qual ti cinge
     Stuol d’almi Geni! Chi difende il tempio,
     Chi il merto adorna, e in alto lo sospinge,
     Porgendo altrui per belle imprese esempio?
5Altri la spada e la catena stringe,
     Ch’è di terrore e di spavento all’Empio:
     Qual confonde la fraude e la respinge,
     Qual rompe aste bandiere, e qual fa scempio.
Queste, che in sem dell’avvenire or stanno

  1. Protezione di Maria N. D.
  2. A Carlo Emmanuele III. Duca di Savoia Re di Sardegna.