Apri il menu principale

383

     Che con tenero cuor così m’amate?
     Quasi senza di me vil uom, non siate
     Quell’eterno beato e sommo Dio
5E s’altro obbietto fuor di voi desìo,
     Sì geloso di me vi dimostrate,
     Che di dolce rigor la destra armate,
     Per riscuoter così l’affetto mio.
Deh caro padre, per pietade omai
     10Deponete il flagel, che bene i rei
     Peccati io piango e la stagion ch’errai
Sia nobil pena agli alti falli miei
     Il dir, che sino ad ora io non v’amai
     E il non potervi amar quanto vorrei.


ANGELO ANTONIO SOMAI.


I.


Or che Clori sulla sponda
     Di quel Rio dolce riposa
     Colla fronte mezzo ascosa
     Tra la sparsa chioma bionda;
5Tace il vento e tace l’onda,
     Tace il bosco e l’aura posa,
     E ’l, mio gregge più non osa
     Pascer erba, e morder fronda.
Tutto è in pace, e senza affanno
     10Solo, il misero mio cuore,
     E i pensier pace non hanno;
Che tra ’l verde amico orrore,
     Per maggior mia pena e danno,
     Clori dorme e veglia Amore.


II


Ahimè, che ovunque il reo, pensier mi mena,
     Mi persegue, l’orror del mio peccato:
     O, donna o vegli, ognor mi veggio a lato
     Il timor la vergogna e la mia pena.