Apri il menu principale

XXXIX

     D’ineguali agresti avene
     36Suon, che taccia, omai non è.
Bionde Grazie, alati Amori
     Già ripiglian archi, e faci,
     Già in volubili e vivaci
     40Danze guidan l’agil piè.
Quai sì cari, e quai sì lieti
     T’offrirà piacer costei?
     Sia pur l’opra degli Dei,
     44Cui non altra sorga egual:
Brune antenne, e negri abeti,
     Genti a metter vela ardite
     Pel gran Regno d’Anfitrite
     48Dietro a barbaro Corsal.
Riedi Aglauro. Te d’Aprile
     Non sol vaghi venticelli,
     Non sol sponde di ruscelli,
     52Sù cui ride a menità:
Ma con versi d’aureo stile
     Te rappella il picciol Reno,
     Gentil fiume, che ripieno
     56Del tuo nome ancor sen va.
Non sovvienti, che tranquille
     Dolci sere qui traesti,
     E che stuolo ti vedesti
     60Di Poeti al fianco star?
Chi le brune tue pupille,
     Chi la grazia degli accenti,
     Chi l’onor dei crin lucenti
     64Dolce udivasi cantar.
Riedi Aglauro. Nuovi canti
     Tenghiam pronti al tuo ritorno;
     L’ali metta il fausto giorno,
     68Che a noi renderti dovrà.
Lo splendor de’ tuoi sembianti,
     Che soave al cuor mi serpe,
     Più che Pindo, più ch’Euterpe
     72Nuovo Pindaro mi fa.