Apri il menu principale
342

     10Ripari arma gli alberghi, e chi ne’flutti
     I tronchi usurpa all’altrui rive tolti.
Fian da l’orrenda Piena al fin distrutti
     E alberghi e campi. Era pur meglio, o stolti,
     Alla comun salvezza accorrer tutti.

II


Incauto Peregrin, che i passi allenta
     Al mormorar d’un Rivo, e sen compiace,
     Obblìa il viaggio, sulla sponda giace,
     E appoco appoco alfin vi s’addormenta.
5Destosi poscia allor, che un tempo spenta
     E’ già nell’ombre la dìurna face,
     Trema pentito, e il rauco suon fugace
     Del Rio, che dilettollo, odia, e paventa.
Così me pure un lusinghiero invito
     10Dal buon cammin sorprese, e i sensi oppresse,
     Talchè lunga stagion posai su ’l lito.
Or che mi desto, e fra le tetre, e spesse
     Tenebre degl’inganni è il cuor pentito:
     Mi danno orror le mie delizie istesse.


GIO: DOMENICO PIOLI.1


Sacro Imeneo, per le tue faci accese
     Con tanto puro, e tanto eguale ardore
     Entro il sen di Camillo, e quel d’Agnese
     Di tutto il suo poter spogliasti Amore.
5Questo avean di valor le dolci offese
     Dell’aureo,strale suo, tutto nel cuore
     Di questi amanti Eroi tua man distese,
     di Fede di Costanza, e Onore.
Sicchè privato Amor d’armi, e d’orgoglio
     Per virtù di quest’Alme, or nè tuoi doni

  1. Per nozze degli Eccellentissimi D. Camillo Borghese, e D. Agnese Colonna.