Apri il menu principale


     Nata contesa in fra le Dee maggiori,
     S’abbagliò di Ciprigna ai bei splendori,
     E dal suo labbro il Frigio incendio scorse.
5Ma del trono d’Assiria allor che sorse
     La gran moglie di Nino ai primi onori,
     Con tal senno, alternò l’armi e gli amori,
     Che all’Asia di stupor materia porse
Nò, non han solo in due leggiadre stelle
     10Tutte le donne il pregio lor racchiuso,
     Nè l’unico lor vanto è l’esser belle:
Che vide il Termodonte a maggior uso
     Troncar Pentesilea la mamma imbelle,
     Ed in asta cangiar la rocca e il fuso.


LODOVICO PICO DELLA MIRANDOLA.


I


E Quando mai con sì crudel ventura
     Avrem pace mio cuor? Di doglia in doglia
     Orti gira il destino, or la tua voglia;
     Se l’un pace ti dà, l’altra la fura.
5Quall’uom ch’erto sentier fra nebbia oscura
     Tenti lento e dubbioso, ove la scioglia
     Breve raggio, allor teme, allor s’addoglia
     Che il periglio in scoprir men s’assicura.
Tal, poichè di sciagure aspro cammino
     10Tristo men corro, in più d’angoscia trarmi
     Speme incerta vid’io, che rado apparve.
E se vinco talor voglia, e destino,
     Nasce da usanza il duol ch’a tormentarmi
     Sorge nero pensier finte larve.


II


Volto colà, dove più bella parte
     Sparge il Ciel sovra noi di sua virtude,
     Quant’opra arte, o natura in se racchiude