Apri il menu principale
254

     io me tutto entro sue fiamme involto:
Sicch’or grido, Signore, o addoppia il cuore,
     O a te mi chiama dal mio Fral disciolto,
     O tempra in parte il tuo celeste ardore.


V


Un giorno all’ombra di due querce annose
     Quel Dio, ch’in Gnido sua gran Reggia tiene,
     Dormìa disteso in sulle molli arene,
     E fier destino al guardo mio l’espose;
5Che nel volto di lui fra gigli, e rose
     Comparve agli occhi miei l’ingrata Irene;
     Ed il mio cuor, delle sofferte pene
     Memore ancora, a sospirar si pose.
Tanto bastò per isvegliar l’Arciero,
     10Che lieve ha sonno; e tutto sdegno il cuore
     D’un stral mi punse: poi volando il fiero
Disse a me volto: Or nel tuo primo ardore
     Torna a penar, ch’io vuo’, ch’al Mondo intero
     Servi d’esempio a non destare Amore.


BIAGGIO MAIOLI.


Amor s’oltre misura arde il mio cuore,
     Abbia la Cruda almen parte del foco,
     Che sì m’accende, e spargo in ogni loca
     I sospir, che dal seno io mando fuore.
5Nè pure al viver mio s’accorcian l’ore,
     Ma come un tanto ardorsia scherzo e giuoco,
     Quanto più per pietà la morte, invoco,
     Ella più fugge, io provo il suo dolore,
Dunque forz’è, ch’io viva in tai tormenti,
     10E chi n’è la cagion, quel cuore altero
     Nulla ne sente; e tu, crudel, lo sai.
Lo sai, me lasso !, e barbaro il consenti.
     Ah che non sei onnipotente Arciero,
     Se per sà duo cuor dardi non hai.