Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/262

214

II


Nel dolce tempo de l’età fiorita
     Vidi una Donna, che le trecce bionde
     In riva al mare, tacita e romita,
     Scioglieva a lo spirar d’aure seconde;
5Che a sè chiamato a rimirar m’invita,
     Maravigliando, per le vie profonde
     Piccola naviccila irsene ardita
     Tra scogli e sirti, al furiar de l’onde.
E disse poi: se ’l temerario Pino
     10Naufrago andrà, s’incolperà Fortuna
     Che il trasse al mar dal natìo giogo alpino:
Ed io mi taccio, e non ho parte alcuna
     Ne’ secreti del Cielo e del Destino;
     Solo in me l’Uom tanta possanza aduna


III


O Nave, o nave, che per l’alto mare
     Nuoti, e sicura dai le vele al vento,
     Credi, che serbi il mobile elemento
     Sempre l’onde tranquille e sempre chiare?
5Oh quante volte ho vedut’io mutare
     Faccia a la dolce calma in un momento,
     Ed oscurarsi il Cielo, e lo spavento
     Forte gridando, sulla poppa stare;
Ed ho veduto a Ciel sereno ancora
     10Ne’ ciechi scogli, che copriva l’onda,
     Urtar col fianco l’infelice prora;
E i remi rotti, e gli alberi a seconda
     Andar de l’acque, e sparse in poco d’ora
     Le ricche merci su l’arena immonda.


IV


Furia, che all’altrui danno, e tuo sei nata,
     E sol d’odio ti nutri, e di disegno,
     Che ridi al nostro male, e a bene irata
     Mordi le man d’atroce rabbia in segno.
5Poichè tu m’hai con empio strazio indegno
     L’ira, che il cor ti rode, in me versata,