Apri il menu principale


     Che di profonda oblivione ingombre
     Nulla ancorsan de’ miseri Viventi,
5Alto lor griderei: qualor vi sgombre
     II tempo dagli informi orrori algenti,
     E di questa mortal scorza vadombre,
     Traendovi del Sole ai rai cocenti;
Prima d’entrar le perigliose porte
     10Il dubbio piè sul limitar fermate:
     Ciechi, in qual v’inoltrate orribil sorte!
E se il destin v’incalza, e a forza cntrate,
     Sia il viver vostro un sospirar la morte
     Tanti mali scorgendo ovunque errate.


TERESA GRILLO PANFILIA.


I


Gravan l’alma così cure ed affanni,
     Che braccio chiedo di pietà non parco,
     Che me pur salvi dal penoso incarco,
     Per cui pavent’omai ultimi danni.
5Ma con finto soccorso ah non m’inganni
     Speme ed Amor di crudeltate scarco,
     Ch’essi fur che a mia sorte apriro il varco
     Con finti vezzi, e con fallaci inganni.
Ragion, tu sola il puoi, deh tu m’aita:
     10Toglimi all’aspro duolo, ed ogni affetto
     Tranquillamente a posar teco invita.
Ma scaltra ogni pensier rendi soggetto,
     Perchè tu ancor potresti esser tradita
     Se un di lor vola al lusinghier’oggetto.


II


La nobil Donna, che con forte mano
     Altera siede a governar l’impero
     De’ sensi, che vorrian da lei lontano
     Sottrarsi, e correr’ogni lor sentiero;