Apri il menu principale

Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/233


185

5Si direbbe: niun mai strinse catena
     D’Amor sì forte, e diverrìa pietosa
     Di tanta mia sì lunga acerba pena
     Quella, ch’ancora è del mio amor dubbiosa.
Ma non però tanto l’ascondo e celo,
     10Che per gl’occhi non m’escan le faville,
     Come suol traspirar luce per velo.
E lo veggiono omai ben mille, e mille:
     Ella non già, ch’ancor mi crede un gelo,
     Ah che non mira nelle mie pupille!


V


Era tranquillo il Mare, e ’l Ciel sereno
     E un’aura dolce respirava intorno,
     Onde sciolsi la nave in sì bel giorno,
     Di fortunati auguri il cor ripieno,
5Ma scostatasi alquanto, venne meno
     Del Mar la pace, e il Ciel di luce, adorno
     D’oscure nubi si vestì d’attorno,
     Ed Eolo sciolse a tutti i venti il freno.
E già più giorni son, che la meschina
     10Nave sbattuta và senza conforto
     A dar in scogli ad affondar vicina.
E pur sebbene io sto sì afflitto, e smorto,
     Se si placasse la crudel Marina
     Non volgerei le vele inverso il Porto.


VI


Come Nocchier, che le procelle, e l’onde
     Lungo tempo soffrì del Mare irato,
     Tornato infine al dolce lido amato
     Rivolge il piè dalle fallaci sponde.
5E dove albergo hanno i Pastor s’asconde,
     E segue il viver lor cheto, e beato,
     Nè ha più timor del Ciel quand’è turbato,
     Nè quand’Euro crudel scuote le fronde.
Tal io d’Amor per l’onda acerba e fera
     10Errai molt’anni, e poi ridotto in Porto
     Le spalle le voltai duro e superbo.