Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/218

170

5Dono è di Voi ciò che appagar più suole
     Nella Terra e nel Mar nostri desiri:
     Dono è di Voi, che a vostro prò si aggiri,
     Vostra sì bella immago, in Cielo il Sole.
E se tra quei sublimi eletti Eroi
     10Speriamo un dì nella maggion superna
     Fortunato l’albergo, è don di Voi.
Dunque a Voi la cui man tutto governa,
     Qual fu pria, quale or’è, qual fia dappoi,
     Sia sempre eterno, gloria eterna.


VI


Mie deluse speranze! Io già credea
     Per man di lontananza il cuor disciolto;
     E nell’obblio l’antico anor sepolto,
     Della mia libertà fra me godea.
5Ma di questa, non so se Donna, o Dea,
     Riveggio folgorare appena il volto,
     Che nuovamente entro a’ suoi lacci avvolto
     Torno ad amar chi di mia morte è rea.
Tale, ahi lasso!, Uom, che nacque altrui soggetto,
     10Se mai da lungi l’odiosa e dura
     Catena obblìa, poi da vicin n’è stretto,
Tal, se lungi dal Sole onda s’indura,
     Prova, stemprata al di lui primo aspetto,
     Che sembiante cangiò ma non natura.


VII


Come tenera madre, a cui dolente
     Infermo fanciullin chiede quell’esca,
     Cui s’egli ottien, si può temer che cresca
     A gran passi maggiore il mal presente;
5Pur tra’ pianti di lui cieca sua mente
     Non prevede qual danno indi gli accresca,
     E con quel cibo al fin, che sì l’adesca,
     Mentre il consola, al suo morir consente:
Così a l’egro mio cuore, il cui pensiero
     10Vaga Ninfa in bramar pose sua sorte,
     Io pur toglier vorrei cibo sì fiero,