Apri il menu principale
164

     Oh qual di Re e di Padre agita il petto;
     Di regno, e di figliuol zelo e periglio!
5Mandan nubi di duolo al cuore, e al ciglio,
     E di legge, e d’amore obbligo, e affetto;
     Nel gran dubbio dell’alma alfin costretto
     Dalla legge e da amor prende consiglio.
Nella Prole il delitto, e in se corregge:
     10E Giudice ad un tempo, e Genitore
     Giusto insieme e clemente esser elegge.
Oh di legge, e d’amor forza, e stupore!
     Se toglie un lume al figlio è amor di legge,
     Se toglie un lume a se, legge è d’amore.



GABRIELE FIAMMA


I1


Più volte un bel desìo di farmi eterno,
     E di lasciar di me non bassi esempi
     M’ha scorso a dir ne più famosi tempi
     Le voglie e l’opre del gran re superno:
5Come purgar convien l’affetto interno,
     E fuggir sempre gli atti ingiusti ed empi
     Mostra sovente, e come l’uom de’ tempi
     Possa l’ira e l’orgoglio aver a scherno,
Or a cantar del sommo Amor m’invoglia,
     10E m’accende un ardor vivo e possente,
     Ch’ogni altra cura dentro al cor mi sgombra.
Signor, se da te vien l’accesa voglia,
     Del suo spirto divin m’empi la mente,
     E di santo furor tutta l’ingombra.


II2


Sparger quest’ampie sfere al centro intorno,
     E di spirti sublimi ornar il Cielo:

  1. A Dio.
  2. La creazione del Mondo.