Apri il menu principale

Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/115


67



OTTAVIO BOLGENI.1


Se piangi lei ch’uscì del mondo fuore,
     E gran torto lagnarsi del suo bene;
     Chè lamentar, perch’altri esce di pene,
     Nè giustizia il sostien, nè ’l vuole amore
5Se ’l tuo danno deplori, è grande errore;
     Chè perduta chiamar non si conviene
     Quella che in ciel beata un seggio tiene,
     Onde a giovarti ha più brama e valore.
Dunque sia fine al tuo lungo martire,
     10E, se ti vuoi lagnar, lagnati meco;
     Che siam rimasti in sì nojosa vita;
O, se a te pesa tanto il suo partire,
     Non piangere perch’ella or non è teco,
     Ma perchè tu non sei dov’ella è gita


ANTONIO BONINI.


I


Dov’è la bella età, che gigli e rose
     Sulle tenere guance vi dipinse?
     Dov’è l’oro del crin, che in pregio vinse
     Quel, che natura sotto i monti ascose?
5Dove son le pupille luminose,
     Ch’ogni amante guatando in sè si strinse,
     Gridando, che per farle Amore estinse
     In Ciel due stelle, e in fronte a voi le pose,
Or se potete, o Filli, richiamate
     10Sì che tornino a voi così begli anni,
     Onde sì vaga un’altra volta siate.
Ah che ben puote de’medesmi panni

  1. Ad amico afflitto per la morte di sua sorella.