Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III.djvu/35

32 SOFOCLE 488-493

crisotemide
Li seguirò: diatribe non consente
Giustizia, no, ma che s’affretti l’opera.
Or, mentre io movo a tal cimento, amiche,
non turbate il silenzio, ve ne supplico.
Ché, se mia madre mai sapesse, amara
ben sarebbe per me l’ardita prova.


Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III-0035.png