Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III.djvu/131

128 SOFOCLE 217-225

d’averlo udito a suo piacer: cosí,
presso chi lo gradisce, a mal suo grado
s’indugia. Ma ben presto ei sarà qui.
DEIANIRA
O tu che il prato ove non passa falce
reggi dell’Età, o Giove, a noi, pur tardi,
questa gioia concedi. O donne, quante
in casa siete, e quante fuor nell’aula,
le voci alzate, ch’io di questa nuova
or colgo, contro ogni speranza, il raggio.

Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III-0131.png