Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) V.djvu/74


ELETTRA 71

ORESTE
Vieni, e reca alleato ogni defunto,
ELETTRA
quanti i Frigi con te vinsero in guerra,
VECCHIO
e quanti gli assassini empî aborriscono.
ORESTE
M’ascolti, o tu che la mia madre uccise?
VECCHIO
Si, tutto ode tuo padre. Ora si vada.
ELETTRA
E questo aggiungo: morir deve Egisto.
Ché, se tu poi soccomberai trafitto
da mortal colpo, morta anch’io sarò,
non creder ch’io piú viva: entro il mio fegato
la spada a doppio taglio immergerò.
Rientro in casa e la preparo. E se
novella udrò di te fausta, la casa
tutta sarà di gioia un grido: un ululo

di pianto, se morrai. Sappilo certo.