Pagina:Speraz - Cesare, L'ultima notte, Autunno.pdf/287


— 283 —

mento, lui ne approfittò per basciarle il collo: e la tovaglia andò a ciondolare sul pavimento. Ma lei andava in collera di questi scherzi. Se l’avessero veduto quell’uomo serio, quell’uomo politico, come faceva il ragazzo! É voleva fuggire, ma lui l’arrestava, l’alzava di peso e un diluvio di baci la innondava il collo e le spalle.

Finalmente la tovaglia era distesa e la tavola preparata.

Erano seduti uno accanto all’altro nella prima dolcezza della vita in comune.

La cittá desolata non esisteva piú per loro. Avevano dimenticato il colera, i morti, la loro posizione anormale e il pericolo che li minacciava; tutto, erano uniti, soli, e divinamente, felici.


Bianca impallidí improvvisamente. Un rumore sordo, fatale come il destino, intollerante di quell’obblio come l’invidia della felicitá altrui, l’aveva fatta riscuotere. Erano i soliti passi pesanti e rotti e un suono di voci roche e avvinazzate. Una torcia a vento si riflette un momento sui cristalli della finestra: gli orribili lavoratori si riposarono un momento in mezzo alla strada.