Pagina:Sotto il velame.djvu/416


E l'altro gli dice che fu, dopo il lume di Dio, una lucerna che Virgilio stesso teneva, ma dietro sè! A Virgilio quel dono era mancato. La conversazione continua tra i due; e Dante1

ascoltava i lor sermoni
ch'a poetar gli davano intelletto.


E vedono l'albero della vita e poi l'albero della conoscenza del bene e del male. E di qui innanzi di fame e di cibo e di vivande e anche bevande si parla a ogni tratto; come è naturale, trattandosi della colpa della gola punita con l'odore di quei primi dolci pomi. E mentre continua questo dubbiare e questo ingannarsi e questo ricredersi, sì che Dante non crederebbe che "l'odor d'un pomo si governasse", e ammira "per la ragione ancor non manifesta", e non avrebbe riconosciuto al viso e sì lo riconosce alla voce, il suo Forese, e Forese chiede a lui delle due ombre, ed esso all'altro, "che sì lo spoglia", e Dante avrebbe pensato "trovar laggiù di sotto" l'amico; e l'amico non sa rendersi conto dell'andar di Dante, "che gli si cela" e Bonagiunta, che riconosce in Dante colui che cantò "donne che avete intelletto d'amore", solo ora, issa, vede il nodo che lo ritenne fuori del dolce stil nuovo; si giunge all'altro albero, del bene e del male, e la gente prega verso lui, come bramosi fantolini, e poi si parte "come ricreduta". Un inganno, dunque, ancor quivi; e tale che bene fa vedere il nesso tra la colpa della gola e il dono dell'intelletto. Che gli alberi sono due: quel della vita e quel della scienza

  1. Purg. XXII 128 seg.