Pagina:Sopra lo amore.djvu/13


sopra lo amore 7

idee che lo scrittore svolge. L’Amore è, forse, anche il secreto della comprensione: e questo amore, questa simpatia profonda, per la quale soltanto si comprende, e si comprende appunto perchè, come dice la parola, si sente insieme, si sente la stessa cosa, si ha il medesimo pathos fondamentale, si appercepisce identicamente, questa simpatia fu massima nel Ficino rispetto a Platone; massima, quindi la comprensione.

Ma questo scritto è più che un semplice commento al Convito, e più largo è l’interesse ch’esso presenta. Il platonismo è appreso da Marsilio soprattutto nell’interpretazione alessandrina; ma a questa egli aggiunge qualche cosa di suo, una nota originale. Ed è l’interpretazione cristiana del platonismo alessandrino, o, se si vuole (e forse più esattamente) l’interpretazione platonico-alessandrina del Cristianesimo. Abbiamo qui, adunque, l’esposizione del Paganesimo secondo l’elaborazione religiosa e filosofica profondamente spirituale, che i pensatori alessandrini, sospinti a ciò dall’istesso conflitto con le nuove idee cristiane, vi avevano dato; e, insieme, l’integrazione di questa fase del pensiero pagano coi dati del Cristianesimo, o, meglio, la collocazione e la sistemazione di questi dati nel quadro di quel pensiero. Così, le pagine che seguono contengono il succo di quel sincretismo religioso pagano-cristiano, che fu tentativo originale degli umanisti, e di cui Marsilio fu il principale fattore; epperò raccolgono in sostanza, tutto il nocciolo della massima opera filosofica ficiniana, la Theologia Platonica.

Che se al disotto del linguaggio teologico pagano e cristiano, delle morte concezioni cosmologiche, delle complicate e fantastiche rappresentazioni mitologiche, di cui si compiaceva allora il pensiero, e che oggi ci sono così estranee e ci sembrano così vuote, noi cerchiamo di cogliere il punto vivo e vero di questa, come delle altre analoghe speculazioni sull’amore, potremo constatare che in essa si esprime, con linguaggio a noi remoto, un concetto che ci è vicinissimo. Codesto Amore, che, come