Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/636