Pagina:Opere di Giovan-Batista Gelli.djvu/40