Apri il menu principale

Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/299


01 — l'oculatezza, lo stoicismo, l'art* del tentatore, le diavolerie di ogni specie, in brev€ l'opposto di ogni cosa desiderabile per il gregge è neoessario all'elevazione del tipo uomo. Una morale con simili op- poste intenzioni, che vuole educare l'uomo verso l'alto, anziché ver- so ciò che è comodo e mediocre, una morale che ha l'intenzione di educare una casta che governa — i futuri padroni della ter- ra — per poter essere insegnata, deve introdursi riallacciandosi alla legge morale esistente, assumendone le parole e le apparenze. Per raggiungere questo, debbono essere inventati molti mezzi di transi- zione e d'inganno e poiché la durata della vita di un uomo non si- gnifica quasi nulla di fronte all'esecuzione di compiti e di intent' tanto difficili, bisogna anzitutto che sia educata una nuova spe- cie in cui attraverso molte generazioni venga garantita la durata alla stessa volontà, allo stesso istinto, una nuova specie, e una nuova casta di dominatori, tutto questo è tanto comprensibile quanto il lungo eccetera, non facilmente esprimibile, di questo pensiero. Pre- parare un capovolgimento dei valori per una determi- nata e forte specie di uomini di suprema spiritualità e forza di vo- lontà e a questo scopo liberare in essi lentamente e cautamente una quantità d'istinti tenuti a freno e calunniali : chi medita questo è dei nostri, appartiene agli spiriti liberi — certo ad una specie di « spiriti liberi » diversa da quella attuale, poiché quelli avuti sinora desideravano press'a poco l'opposto di noi. A questi appartengono, mi sembra, anzitutto, i pessimisti d'Europa, i poeti e i pensatori di un idealismo ribelle, in quanto il Joro malcontento dell'intera esi- stenza li obbliga anche 'logicamente almeno a! malcontento degli uomini attuali, sopraiutto certi artisti insaziàbilmente ambi- ziosi che lottano senza riguardi e assolutamente per i diritti parti- colari degli uomini superiori e contro l'animale da gregge e con i mezzi seducenti dell'arte addormentano negli spiriti più scelti tutti gli istinti e tutte le precauzioni da gregge; in terzo luogo vd appar- tengono tutti quei critici e quegli storici dai quali viene prose- guita coraggiosamente la scoperta felicemente iniziala, del mondo antico — è l'opera del nuovo Colombo, dello spirito tedesco — poiché noi siamo ancora agli inizi di questa conquista. Nel vecchio mondo infatti dominava una morale diversa e più signorile di quella odierna : e l'uomo antico sotto la podestà educa- trice delia sua morale era un uomo più forte e più profondo del- l'uomo d.'oggi — era finora il solo « uomo ben riuscito ». La sedu- zione che sin dall'antichità veniva esercitata sulle anime ben riu- - 302 —