Apri il menu principale

Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/298


00 - crisi socialiste, — saranno gli elementi che sono capaci della mag- gior durezza verso se stessi, e che possono garantire la volontà più duratura. 641. Il gran compito e la grande domanda sd avvicinano, inevitabili, esitanti, terribili come il destino; In ohe modo deve essere gover- nata la terra, come un tutto? e a che scopo deve essere allevato ed educato l'uomo » considerato come un tutto — e non più, popolo, razza? Le morali legislatrici sono il imezzo principale con cui si può foggiare, servendosi dell'uomo, ciò che piace a una volontà profonda e creatrice; supposto che una tale volontà di artista di altissimo grado abbia nelle sue mani il potere e possa imporre la sua volontà creatrice per lunghi spazi di tempo, sotto forma di legislazioni, di religioni e di costumi. Oggi e probabilmente per molto tempo an- cora, si andrà invano in cerca di tali uomini del grande lavoro, dei veri grand) uomini: essi mancano, e alla fine, dopo molte de- lusioni, si dovrà incominciare a comprendere perchè mancano: e che al loro sorgere e al loro sviluppo, per ora e per molto tempo ancora, non si oppone niente all'infuori di quello che ora in Europa si chiama senz'altro « 1 a morale»; come se non ne esistesse, nè potesse esisterne un'altra, — quella morale, indicata pocanzi come morale di animale da gregge, che aspira con tutte le forze alla gene- rale e verde felicità del pascolo sulla terra, cioè alla sicurezza, alla assenza di pericolo, alla comodità, alla facilità della vita, e in fine « se tutto va bene » spera anche di sbarazzarsi di ogni specie di pastori e di pecore guidaiole. IjC sue due dottrine più largamente predicate sono : « Uguaglianza dei diritti » e « Compassione per tutto ciò che soffre » e lo stesso dolore viene considerato da loro come qualcosa che deve essere assolutamente eliminato. Il fatto che tali « idee » possano ancora essere moderne dà un cattivo concetto di questa modernità. Chi però ha profondamente riflettuto dove e come la pianta uomo, finora, è cresciuta più vigorosamente, deve ritenere che ciò è accaduto in condizioni opposte a queste; ohe oltre a ciò il pericolo della sua condizione deve crescere prodigiosa- mente, la sua forza inventiva e simulatrice devono trionfare attra- verso una lunga pressione e costrizione, la sua volontà di vita deve essere elevata sino a divent.are una assoluta volontà di potenza e di predominio e che il pericolo, la durezza, la violenza, il pericolo nella strada cosi come quello nel cuore, la disuguaglianza dei diritti. - 3