Pagina:Neera - Un romanzo, Brigola, Milano, 1877.djvu/27


— 25 —


lunga piuma nera; le cinse il piccolo velo grigio; le diede i guanti di pelle di daino, la borsetta e: Buon viaggio, signorina!

La carrozza aspettava alla porta.

Giulia si gettò nell’angolo a destra pallida, commossa.

— Addio, tutore.

Una lagrima le spuntò sulle palpebra.

La cameriera correva affannata; aveva dimenticato la boccetta dell’aceto igienico — un grazioso ninnolo di cristallo e di cuojo.

— Grazie! disse Giulia.

Non potè aggiungere altro; il pianto la soffocava.

— Diavolo! fece Olimpio chiudendo lo sportello. Spero bene che quando arriveremo alla stazione non scenderai cogli occhi rossi.

E disse questo con accento dolce, pacato, come usava parlando con qualunque persona.

Giulia gli strinse una mano.

— Sentimentalismo da collegiale! — continuò Olimpio. È convenuto che una donna quando si marita deve spargere una certa quantità di lagrime — per il decoro — ma ora siamo soli, non c’è più motivo di piangere. Suppongo che non ti cuocerà molto l’abbandono del tutore, del tuo vecchio tutore che rubava la tua dote.