Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/75


prendendo possesso di un ampio cassettone a piano di marmo e di una libreria capace che aveva appartenuto ad un vecchio prete.

Minna non lo aveva visto quel giorno. Mentre rientrava da una corsa fatta la sua compagna le disse appena: E’ arrivato. Ha detto di trasportargli il letto dall’altra parte; sarà per domattina. Niente altro.

Ma ricamando sotto la sua finestra all’ultima luce del sole mo¬rente, Minna udì il forestiero che camminava in su e in giù, mettendo a posto i libri, leggendo forte il titolo di qualcuno; e quella voce nuova che penetrava nella sua camera, quella voce di uno che non conosceva e che pur veniva a raggiungerla nella sua intimità le aveva fatto l’impressione acuta di un grido di sentinella nella notte.

Anche nei giorni seguenti non lo incontrò subito. Egli usciva di buon mattino; la porta della sua camera non comunicava coll’ appar¬tamento; la sola comunicazione era la finestra che metteva sul bal¬cone accanto alla finestra della camera di Minna, la quale per un intimo senso di pudore non usciva