Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/85


VARIANTI 79
la sua colpa abborrisco, e il core intanto
di rabbia freme e di pietà sospira,
e mi si desta il pianto in mezzo all’ira.
Cosi fra i dubbi miei
son crudo a me, non son pietoso a lei.
Passeggier, che su la sponda
sta del naufrago naviglio,
or al legno ed or all’onda
fissa il guardo e gira il ciglio:
teme il mar, teme l’arene;
vuol gittarsi e si trattiene,
e risolversi non sa.
Pur la vita e lo spavento
perde alfìn nel mar turbato.
Quel momento fortunato
quando mai per me verrà?
ATTO TERZO
SCENA I
Campagna su le rive delI’Eufrate, con navi che sono incendiate. Mura de'giar¬
dini reali da un lato, con cancelli aperti.
Ircano con séguito di sciti armati, parte su le navi,
e parte su la riva del fiume.
Ircano. Che fa? Che tarda? Impaziente ormai
la sposa attendo. Il nuovo sol già nasce,
e Sibari non torna. Ah 1 qualche inciampo
all’impresa trovò. Ma genti ascolto:
è Sibari che vieti; Tamiri è mia!
Compagni, ora vi bramo
Solleciti a partir, (alle guardie sulle navi)