Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/41


ATTO SECONDO 35
bagna le mura, e si racchiude in quelli
di Tamiri il soggiorno: ove tu voglia
col soccorso de’ tuoi
l’impresa assicurar, per tal sentiero
rapir la sposa e a te recarla io spero.
Ircano. Dubbio è l’evento.
SlBARI. Anzi sicuro. Ognuno
sarà immerso nel sonno; a quest’insidia
non v’è chi pensi; incustodito è il loco.
lRCAN’O. Parmi che a poco a poco
mi piaccia il tuo pensier; ma non vorrei...
SlBARI. Eh! dubitar non dèi; fidati. Io vado,
mentre cresce la notte,
il sito ad esplorar; tu co’più fidi
dell’Eufrate alle sponde
sollecito ti rendi.
Ircano. A momenti verrò: vanne e m’attendi.
SlBARI. Vieni; ché in pochi istanti
dell’idol tuo godrai,
e ogni rivai farai
d’invidia impallidir.
Piangono i folli amanti
per ammollire un core;
per te non fece Amore
le strade del martir. (parte)
SCENA Vili
Ircano, Tamiri e poi Mirteo.
Ircano. Ah! non si perda un solo istante. Oh, come
delusi rimarranno,
se m’arride il destino,
e Scitalce e Mirteo, Tamiri e Nino!
(in atto di partire)