Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/354


34S X - ISSIF1LE
Le arco. (Quanto tarda a venir la schiera amica!)
(impaziente verso la scena)
Toante. Da’ tuoi disastri impara
a rispettar, Learco,
in avvenir la maestà del trono.
Riconsolati e vivi. Io ti perdono, (in atto di partire)
Learco. Ah! signor, tu mi lasci
dubbioso ancor, se un più sicuro pegno
non ho di tua pietà.
Toante. Dopo il perdono
che di più posso darti?
Learco. La tua destra real.
Toante. Prendila, e parti.
Learco. O de’ numi clementi
(va allungando queste parole, per dar tempo che giungano i
compagni)
pietoso imitator, questo momento
di tutti mi ristora
gli affanni che passai. (Né giunge ancora!)
E dubbioso e tremante
eccomi alle tue piante... E in umil atto...
(mentre vuole inginocchiarsi e prender la mano al re, escono
i corsari armati, che circondano Toante)
Toante. Qual gente ne circonda?
Learco. Il colpo è fatto!
(lascia la mano di Toante, sorge, ed abbandona l’affettata
umiltà, da lui finta sinora)
Cedimi quella spada, (a Toante)
Toante. A chi ragioni?
Learco. Parlo con te.
Toante. Meco favelli? Oh dèi!
Come...
Learco. Non più: mio prigionier tu sei
Toante. Qual nera frode!
Learco. Alfine
cadesti ne’ miei lacci. Arbitro io sono