Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/311


ATTO TERZO 305
LICENZA
Potria d’altero fiume
il corso trattener, Cesare invitto,
chi, nel giorno che splende
chiaro del nome tuo, frenar potesse
l’impeto del piacer, che sino al trono
fa sollevar delle tue lodi il suono.
O non v’è cosa in terra, o è questa sola
difficile ad Augusto; e, se non sei
pietoso a questo error, tutti siam rei.
Sarà muto ogni labbro,
se vuoi cosi. Ma non è il labbro solo
interprete del cor. Qual atto illustre
di virtù sovrumana offrir potranno
le scene imitatrici,
che non chiami ogni sguardo
a ravvisarne in te l’esempio espresso?
Ah! che il silenzio istesso,
de’ sensi altrui poco fedel custode,
saprà spiegarsi e diverrà tua lode.
Per te con giro eterno
torni dal Gange fuora
la fortunata aurora
di cosi lieto di.
Ma quella, che ritorna
dall’onda sua natia,
sempre più bella sia
dell’altra che parti.
M ktas i asio, Opere - 11. 20