Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/310


3°4 IX - DEMETRIO
Olinto. Alceste, finirà cotanto orgoglio.
(Olinto apre il foglio e legge)
« Popoli della Siria, il figlio mio
vive ignoto fra voi. Verrà quel giorno
che a voi si scoprirà. Se ad altro segno
ravvisar noi poteste,
Fenicio l'educò nel finto Alceste.
Demetrio ».
Cleonice. Io torno in vita.
Fenicio, (ad Olinto) A questo passo
t’aspettava Fenicio.
Olinto. (Io son di sasso!)
Mitrane. Gelò l’audace.
Olinto, (ad Alceste) In te, signor, conosco
il mio monarca, e dell’ardir mi pento.
Alceste. Che sei figlio a Fenicio io sol rammento.
Fenicio. Su quel trono una volta
lasciate ch’io vi miri, ultimo segno
de’ voti miei.
Alceste. Quanto possiedo è dono
della tua fedeltà. Dal labbro mio
tutto il mondo lo sappia.
Fenicio. E ’l mondo impari
dalla vostra virtù come in un core
si possano accoppiar gloria ed amore.
(Alceste e Cleonice vanno sul trono)
Coro. Quando scende in nobil petto,
è compagno un dolce affetto,
non rivale alla virtù.
Respirate, alme felici,
e vi siano i numi amici,
quanto avverso il ciel vi fu.