Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/293


ATTO TERZO
SCENA I
Portico della reggia, corrispondente alle sponde del mare, con barca
e marinari pronti per la partenza d’Alceste.
Olinto e poi Alceste e Fenicio.
Olinto. Sarò pure una volta
senza rivai. Da questo lido alfine
vedrò Alceste partir. La sua tardanza
però mi fa temer. Si fosse mai
pentita Cleonice! Ah! non vorrei...
Ma no: di sua dimora
cagion gli estremi uffici
forse saran degl’importuni amici.
Alceste. Signor, procuri indarno (a Fenicio, nell'uscire)
di trattenermi ancor.
Olinto. Son pronti, Alceste,
i nocchieri e la nave, amico è il vento,
placido è il mar.
Fenicio. (ad Olinto) Taci, importuno. Almeno
differisci per poco (ad Alceste)
la tua partenza, lo non lo chiedo invano.
Resta. Del mio consiglio
non avrai da pentirti. Infino ad ora
sai pur che amico e genitor ti fui.
Olinto. (Mancava il padre a trattener costui!)
Alceste. Ah! della mia sovrana al tuo consiglio
il comando s’oppone.
Olinto. Alceste, a quel ch’io sento, ha grati ragione.