Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/270


2 64 IX - DEMETRIO
la tua prodiga man : sempre sdegnati
sian per me que’ begli occhi,
arbitri del mio cor, del viver mio.
Guardami, parla.
Cleonice. (Ah! non resisto.) Addio, (parte)
SCENA XIV
Alceste e Barsene.
Alceste. Numi, che avvenne mai! Que’dubbi accenti,
quel pallor, quei sospiri
mi fanno palpitar. Qual è, Barsene,
la cagion di si strano
cangiamento improvviso? È invidia altrui?
E incostanza di lei?
È ingiustizia degli astri? È colpa mia?
Barsene. Le smanie del tuo core
mi fan pietà. Forse con altra amante
più felice saresti.
Alceste. Ah ! giunga prima
l’ultimo de’ miei giorni. Io voglio amarla
a prezzo ancor di non trovar mai pace;
ché più soffrir mi piace
per la mia Cleonice ogni tormento,
che per mille bellezze esser contento.
Dal suo gentil sembiante
nacque il mio primo amore,
e l’amor mio costante
ha da morir con me.
Ogni beltà più rara,
benché mi sia pietosa,
per me non è vezzosa,
vaga per me non è. (parte)