Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/247


ATTO PRIMO
SCENA I
Gabinetto illuminato, con sedie e tavolino da un lato con sopra scettro
e corona.
Cleonice, che siede appoggiata al tavolino, ed Olinto.
Cleonice. Basta, Olinto, non piu. Fra pochi istanti
al destinato loco
il popolo inquieto
comparir mi vedrà. Chiede ch’io scelga
10 sposo, il re? Si sceglierà lo sposo;
11 re si sceglierà. Solo un momento
chiedo a pensar. Che intolleranza è questa
importuna, indiscreta? I miei vassalli
si poco han di rispetto? A farmi serva
m'innalzaste sul trono, o v’arrossite
di soggiacere a un femminile impero?
Pur l’esempio primiero
Cleonice non è. Senza rossore
a Talestri, a Tomiri
servi lo Scita, ed in diverso lido
Babilonia a Semira, Africa a Dido.
Olinto. Perdonami, o regina:
di noi ti lagni a torto. I pregi tuoi
non conosce la Siria? Estinto appena
il tuo gran genitor, t'innalza al trono;
al tuo genio confida
la scelta del suo re; tempo concede
Mktastasio, Opere • il. 16