Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/235


VARIANTI 229
ATTO TERZO
SCENA I
Aquilio.
ti crede seduttrice:
se ne querela e dice
che del trono offendesti
le sacre inviolabili ragioni ;
che disturbi e scomponi
gli ordini suoi; che apprenderan, se resti,
tutti ad essergli infidi. E con tal arte
sa i tuoi falli ingrandir, che, a chi lo sente,
nel punirti cosi sembra clemente.
Sabina. Non può nome di colpa
un’opra meritar, se ree non sono
le cagioni, gli oggetti,
onde fu mossa, ov’è diretta, lo volli,
serbando la sua gloria, ecc.
SCENA III
Adriano. Aquilio, che ottenesti?
Aquilio. Nulla, signore. Ad ubbidirti inteso,
non trascurai ragione
per trattener Sabina. È risoluta,
e vuol partir. Per argomento adduce
che male al suo decoro
converrebbe il restar; che a te non deve
esser più grave; e moderate a segno,
Adriano. No, non mi piace
questa soverchia pace. Andiamo a lei.
Aquilio. Perché? Cesare teme
d’una donna lo sdegno?
Adriano. No.
Aquilio. La vuoi tua consorte?
Adriano. Oh Dio!