Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/224


2l8 Vili - ADRIANO IN SIRIA
SCENA VI
Adriano. Nulla perdesti.
Io perdei la mia pace,
cara, negli occhi tuoi. L’arbitra sei
tu della sorte mia. Tu far mi puoi
o misero o felice,
e del tuo vincitor sei vincitrice.
Emirena. Più rispetto sperava
da te la mia virtù. L’animo regio
Adriano. (Bella fierezza!) E qual oltraggio soffre
la tua virtù dal mio sincero affetto?
Posso offrirti, se vuoi,
e l’impero e la man.
Emirena. No, che non puoi.
Arbitro della terra,
sei servo alla tua Roma. Ella ha rossore
fra le spose latine
di contar le regine. E noto a noi
di Cleopatra il fato,
l’esule Berenice e Tito ingrato.
Adriano. Era più nuova allora
la servitude a Roma. Or per lung’uso
è al giogo avvezza, e sollevar non osa
l’incallita cervice.
Emirena. E, s’ella il soffre,
Sabina il soffrirà? Promessa a lei
è la tua man.
Adriano. Noi niego. Anzi ne fui
tenero amante, e l’adorai fedele
quasi due lustri interi. Alfine eterni
hanno a durar gli amori? Io non suppongo
in lei tanta costanza. Avrà cambiato,
senza fallo, pensier, come d’aspetto
la mia sorte cambiò. Veduto allora, ecc.