Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/207


ATTO TERZO 201
tutto accordar vorrei: trovo per tutto
qualche scoglio a temer. Scelgo, mi pento:
poi d'essermi pentito
mi ritorno a pentir. Mi stanco intanto
nel lungo dubitar, tal che dal male
il ben più non distinguo. Alfin mi veggio
stretto dal tempo, e mi risolvo al peggio.
Aquilio. Eh ! finisci una volta
di tormentar te stesso. Hai quasi in braccio
la bella che sospiri, e non ardisci
di stringerla al tuo seno? Io non ho core
di vederti soffrir. Vado de’ parti
ad introdurre il re.
Adriano. Senti. E se poi...
Aquilio. Non più dubbi, signor.
Adriano. Fa’ quel che vuoi.
(Aquilio parte)
SCENA IV
Adriano, poi Osroa ed Aquilio.
Adriano. Che dir può il mondo? Alfine
il conservar la vita
è ragion di natura: e in tanta pena
io viver non saprei senza Emirena.
OSROA. Che si chiede da me?
Adriano. Che il re de' parti
sieda e m'ascolti: e. se non pace, intanto
abbia triegua il suo sdegno, (siede)
OSROA. A lunga sofferenza io non m’impegno, (siede)
Aquilio. (Del mio destin si tratta.)
Ad riano. Osroa, nel mondo
tutto è soggetto a cambiamento, e strano
saria che gli odii nostri