Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/195


ATTO SECONDO 189
gli sdegni di Sabina
combattono per noi. La pugna è accesa;
ma non convien precipitar l’impresa.
Saggio guerriero antico
mai non ferisce in fretta;
esamina il nemico,
il suo vantaggio aspetta,
e gl’impeti dell’ira
cauto frenando va.
Muove la destra e il piede,
finge, s’avanza e cede,
fin che il momento arriva
che vincitor lo fa. (parte)
SCENA VI
Deliziosa, per cui si fjassa a’ serragli di fiere.
I (f
Emirena, e "poi Sabina e Farnaspe.
Emirena. Che fa il mio bene?
Perché non viene?
Ogni momento
mi sembra un di.
Sabina. Ecco la sposa tua. (a Farnaspe)
Farnaspe. Bella Emirena!
Emirena. Sei pur tu, caro prence? Il credo appena.
Farnaspe. Alfin, ben mio...
Sabina. Di tenerezze adesso
tempo non è. Convien salvarsi. È quella
l’opportuna alla fuga,
non frequentata oscura via. L’amico
Lentulo a me la palesò. Non molto
lunge dal primo ingresso
si parte in due. Guida la destra al fiume,
la sinistra alla reggia. A voi conviene
evitar la seconda. Andate, amici,