Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/19


ATTO PRIMO 13
non mi spiace però: godo in mirarti,
e curioso il guardo
più dell’usato intorno a te s’arresta.
Tamiri. Gran sorte inver del mio sembiante è questa!
Che quel cor, quel ciglio altero
senta amor, goda in mirarmi,
non lo credo, non lo spero;
tu vuoi farmi insuperbir:
o pretendi, allor che torni
ai selvaggi tuoi soggiorni,
rammentar cosi per gioco
l’amoroso mio martir. (parte)
SCENA VI
Ircano e Mirteo.
I ROANO. La principessa udisti? Ella superba
va degli affetti miei. Misero amante!
Ti sento sospirar, ti veggo afflitto.
Cangia, cangia desio;
e per consiglio mio torna in Egitto.
Mirteo. Mi fai pietà. La tua fiducia insana,
il tuo rozzo parlar, con cui l’offendi,
ti rinfaccia Tamiri; e non l’intendi.
I roano. Dunque in diversa guisa i loro affetti
qui trattano gli amanti? E quale è mai
questo vostro d’amor leggiadro stile?
Mirteo. Con lingua più gentile
qui si parla d'amor; qui con rispetto
un bel volto si ammira;
si tace, si sospira,
si tollera, si pena,
l’amorosa catena
si soffre volentier, benché severa.