Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/377


varianti 371


Cleofide s’invia:
non deggio rimaner. (in atto di partire)
Gandarte.  Férmati. E vuoi
per vana gelosia
scomporre i gran disegni? Agli occhi altrui
debole comparir? Vedi che sei
a Cleoftde ingiusto, a te nemico.
Poro. Tu dici il vero: io lo conosco, amico.
Ma che perciò? Rimprovero a me stesso
ben mille volte il giorno i miei sospetti;
e mille volte il giorno
ne’ miei sospetti a ricadere io torno.
               Se possono tanto
          due luci vezzose,
          son degne di pianto
          le furie gelose
          d’un’alma infelice,
          d’un povero cor.
               S’accenda un momento
          chi sgrida, chi dice
          che vano è il tormento,
          che ingiusto è il timor. (parte)

SCENA X [IX]

Erissena e Gandarte.

.    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    
Erissena. Se Alessandro una volta
giungi a veder, gli troverai nel viso
un raggio ancora ignoto
d’insolita beltá.
Gandarte.  Per fama è noto.
Deh! non perdiamo, o cara,
con ragionar di lui, questo momento
che dal ciel n’è permesso.
Erissena. Eh! non è giá l’istesso
.    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    
Gandarte.  Ma tanto
parlar di lui tu non dovresti. Io temo,